Arriva la "nuova onda" del cinema rumeno

A Roma, dal 22 al 25 novembre, presso l’Accademia di Romania è in programma la quarta edizione del ProCult Film Festival. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti

Si tiene a Roma, dal 22 al 25 novembre, presso l’Accademia di Romania (piazza José de San Martin 1, a Valle Giulia) – con ingresso gratuito fino ad esaurimento posti – la quarta edizione del ProCult Film Festival, rassegna di produzioni cinematografiche della “nuova onda” rumena. La selezione ha avuto un’anteprima durante l’ultima giornata del recente Medfilm festival, manifestazione con cui da tempo esiste una proficua partnership. Lungometraggi, documentari, ma anche una scelta dei migliori cortometraggi recenti rumeni e della migliore animazione sono al centro delle giornate del ProCult Film Festival.


Tra gli ospiti è atteso il regista Lucian Georgescu per presentare il suo “The Phantom father” (Tatal fantoma), storia di Robert Traumn – interpretato da Marcel Iures – professore statunitense che vuol ritrovare il padre, famoso romanziere, e lo zio, famigerato gangster di Chicago. Nella ricerca viene aiutato dalla bella bibliotecaria Tanya. I due incontrano così ad un anziano proiezionista, Sami, vecchio amico del padre di Robert, anch’egli nei guai.

Nella sezione lungometraggi, oltre al citato film di Georgescu, viene presentato anche “Le nozze mute” di Horațiu Malaele, una commedia che volge in tragedia, una storia vera che racconta di un matrimonio in un villaggio rumeno nel marzo 1953. Durante la cerimonia arriva la notizia della morte di Stalin: per questo motivo le autorità proibiscono ogni cerimonia pubblica, ma il matrimonio non si ferma. La conseguente punizione di Stato è sanguinosa e agghiacciante.


C’è spazio pure per i documentari con “La vasaia di Vama Sării”, diretto da Tudor Chirila, premio Aptr (l’Unione dei Cineasti di Romania) per il miglior documentario televisivo 2012, ritratto di un’anziana artigiana seguita in ogni fase della produzione dei vasi. Infine, tra i cortometraggi c’è il pluripremiato “Gobbel”, di Raluca David, storia di un uomo, anziano e solo, che si trasferisce in un villaggio della campagna rumena per morire.

(19-11-2012 / repubblica.it)

Scriu despre Festivalul Procult

Procult CinemaFestival