La Romania del cinema presentata all'Italia al Procult Festival-2

Fino al 23 novembre generi diversi in programma: la commedia in Love building, opera prima di Iuglia Rugina in cui tredici coppie riunite in un resort cercano di sistemare le proprie vite sentimentali in sette giorni. Poi il lungometraggio Revederea, di Bogdan Alexe, con Maia Morgenstern, Tudorel Filimon e Wilmark Hernandez, ambientato in una scuola d'arte, dove si studia teatro, musica e danza e dove arriva un direttore di casting per selezionare giovani per una grande produzione cinematografica. Per diventare una star, i giovani sono disposti a tutto, anche rovinare le proprie amicizie.

Il concorso documentari "Transparente" presenta quattro titoli: Experimentul Bucaresti, del regista e giornalista inglese, ma residente in Romania, Tom Wilson. Quindi, l'anteprima assoluta di "Vama Veche Veche", di Tudor Chirila. Altro film, "Dupa fel si chip" (As you like it), di Paula Onet. Quindi, "Romania, gli anni del terrore", documentario storico, scritto e diretto da Umberto Rondi, dedicato ai martiri romeni, attraverso il racconto di testimoni, sopravvissuti, esperti e in generale il racconto delle persecuzioni contro i cristiani e in particolare contro la Chiesa cattolica durante i piĆ¹ feroci anni del regime comunista imposto da Stalin.

Sursa: yahoo.it